Benvenuti nel Programma Italia - Tunisia

Il Programma Italia – Tunisia s’inscrive nell’ambito della componente di cooperazione transfrontaliera (CBC) dello Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato (ENPI). Coinvolge 5 province siciliane (Agrigento, Caltanissetta, Ragusa, Siracusa, Trapani) e 6 regioni costiere della Tunisia (governatorati di Ariana, Beja, Ben Arous, Bizerte, Jendouba, Nabeul). L'obiettivo principale è quello di promuovere l’integrazione economica, sociale, istituzionale e culturale tra i territori siciliani e tunisini attraverso un processo di sviluppo congiunto e sostenibile, basato su un polo di cooperazione transfrontaliera.

News

Il Programma di Cooperazione Transfrontaliera (CT) Italia-Tunisia 2014-2020, con decisione C(2015) 9131, è stato adottato dalla Commissione Europea lo scorso 17 dicembre. Il Programma, che beneficia di un finanziamento comunitario di 33.354,820 euro nell’ambito dello Strumento Europeo di Vicinato (ENI) mira a contribuire all’obiettivo globale ENI di progresso verso “uno spazio di prosperità condivisa e di buon vicinato fra gli Stati Membri dell’UE e i loro vicini”.

Lo spazio di cooperazione comprende i territori situati su entrambi i lati della rotta marittima che collega la Sicilia e la Tunisia, cioè le aree territoriali delle cinque provincie siciliane di Agrigento, Trapani, Caltanissetta, Ragusa e Siracusa, e le aree territoriali dei nove governatorati tunisini di Bizerte, Ariana, Tunis, Ben Arous, Nabeul, Sousse, Monastir, Mahdia et Sfax.

Inoltre, le aree territoriali di tre provincie siciliane (Catania, Enna e Palermo) e le aree territoriali di sei governatorati tunisini (Beja, Manouba, Zaghouan, Kairouan, Sidi Bouzid e Gabes) sono state considerate nel quadro del Programma ENI CT 2014-2020 come territori limitrofi, estendendo l'area di cooperazione rispetto al precedente periodo di programmazione 2007-2013. Tutte le altre aree territoriali siciliane e tunisine sono eleggibili entro il limite del 20% della dotazione del budget UE.
La partecipazione dei ministeri nazionali italiani e di organismi sotto il controllo del governo con sede a Roma è prevista nei casi in cui contribuisca al raggiungimento degli obiettivi del Programma.

Il Programma ENI CT Italia-Tunisia 2014-2020 fornisce un quadro per l’attuazione di progetti attorno tre principali obiettivi tematici:

Obiettivo 1 – Sviluppo delle PMI e dell’imprenditorialità

  • Rafforzamento dei Cluster Economici
  • Promozione e sostegno all’imprenditorialità

Obiettivo 2 – Sostegno alla formazione, alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione

  • Promozione e sostegno alla ricerca e all’innovazione in settori chiave
  • Promozione della cooperazione tra imprese e operatori della formazione professionale
  • Sostegno alla cooperazione locale nel campo dell'istruzione

Obiettivo 3 – Protezione dell’ambiente e adattamento al cambiamento climatico

  • Azioni congiunte per la protezione dell’ambiente
  • Conservazione e uso sostenibile delle risorse naturali

Come per il precedente periodo di programmazione 2007-2013, la Regione Siciliana, Presidenza – Dipartimento regionale della Programmazione – è l’Autorità di Gestione, ovvero l’entità responsabile della gestione quotidiana e della realizzazione del Programma Italia-Tunisia 2014-2020.

A partire dalla metà del 2016, dopo la firma della Convenzione di finanziamento tra la Commissione europea e la Tunisia, saranno lanciati degli inviti a presentare proposte progettuali.

Agenda

Settembre 2017
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti i cookie le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.