La Task Force Congiunta (TFC) del Programma Operativo (PO) Italia Tunisia 2014-2020, nella sua terza sessione di lavoro tenutasi a Palermo lo scorso 22 ottobre, ha discusso su due questioni chiave: l’allargamento della zona eleggibile del PO e l'individuazione degli obiettivi tematici del Programma.

Sulla prima questione, la Task Force ha deciso di avanzare una proposta strutturata alla CE indicando la possibilità di rendere pienamente eleggibili le Province e i Governatorati identificati come “adiacenti” nell’attuale PO e, nel caso della Tunisia, di ampliare il numero dei governatorati eleggibili.

La proposta dovrà essere approvata dalla Commissione Europea entro la fine del 2013 per poter essere presa in considerazione nell'analisi socio – economica preliminare alla scelta delle strategie del Programma.

Sulla seconda questione, la Task Force ha preso atto dei risultati della consultazione on-line, eseguita sul territorio siciliano e lanciata il 27 settembre scorso, rivolta a più di 500 persone e centrata sulla valutazione degli obiettivi tematici (OT) e le priorità considerati più rilevanti per la futura programmazione.

Gli esperti della Task Force lavoreranno per declinare in priorità e azioni eleggibili gli obiettivi tematici identificati nella lista preliminare, in particolare:

  • OT 2 - Sostegno all’educazione, alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione;
  • OT 1 - Sviluppo delle PMI e appoggio agli imprenditori;
  • OT 3 - Promozione della cultura e preservazione del patrimonio storico;
  • OT 6 - Protezione dell’ambiente e adattamento ai cambiamenti climatici;
  • OT 4 - Promozione dell’inclusione sociale e lotta contro la povertà;
  • OT 5 - Sostegno allo sviluppo della buona governance locale e regionale.

I risultati di questo lavoro saranno sottomessi a un secondo giro di consultazioni pubbliche previste all’inizio del 2014.

Nell’ambito della stessa riunione, un calendario del processo di programmazione a livello dei regolamenti comunitari è stato presentato con una previsione plausibile di sottomissione del PO alla CE prima della fine del 2014.

I lavori continueranno nella prossima riunione della TFC, prevista a Tunisi nel dicembre 2013.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti i cookie le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.